Zaia: "Il Veneto non è mai stato no vax"

Fino ad ora- ha aggiunto - gli incontri bilaterali con le Regioni sono stati molto positivi. Lo affermano in una nota congiunta Paolo Sisto e Renato Brunetta, deputato e capogruppo di Fi alla Camera.

"A Roma si continua a banalizzare, si pensa che la cura, che sarebbe l'autonomia, si possa sostituire con amputazioni ad hoc. Inoltre - aggiunge Zaia - siamo lunica regione che ha unanagrafe vaccinale digitale, quando nasce un bimbo viene subito identificato e inizia il dialogo con i genitori per le sue vaccinazioni". Ma la scelta a Roma è di usare come cura l'amputazione, invece di riconoscere che quella veneta è una questione cruciale. "Accordi che poi saranno affidati al prossimo Parlamento perché è difficile che ci sia una doppia lettura del Parlamento entro la fine di questa legislatura". "Di questo passo daremo uno sbocco al mare al Trentino", ha commentato con ironia Zaia.

"Voglio specificare che nella fase di autonomia rafforzata per le tre regioni, vale a dire Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, non entrano in ballo maggiori risorse, tutto si gioca in nome dell'efficienza".

"Il voto di oggi è un atto di giustizia reso alla comunità di Sappada. Va bene quindi il dialogo ma non la coercizione".

"La Regione - scrive ancora il Governatore - ha già espresso il proprio interesse di massima a sostenere i Campionati, ma la portata dell'evento è tale da rendere necessario il coinvolgimento di tutti i soggetti istituzionali che operano in Italia nel settore, in primis il Governo italiano, il CONI, la Federazione Ciclistica Italiana, oltre agli Enti Territoriali interessati all'evento".

In una lettera inviata al Ministro dello sport Luca Lotti, il Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia chiede al Governo nazionale di attivarsi e di fare squadra per sostenere l'organizzazione dei mondiali di ciclismo 2020, che l'Union Cycliste Internationale (UCI) ha assegnato a Vicenza. Respinta anche la formale richiesta di rinvio avanzata dal presidente del consiglio regionale del Veneto, Roberto Ciambetti.


Popolare

COLLEGARE