Ultrà del Napoli assaltano un bar a Verona con spranghe e coltelli

Circa quaranta ultras del Napoli, presenti nel capoluogo veneto per la gara poi disputata alle 15 contro il Chievo, hanno praticamente distrutto il “Caffè Oro Bianco”, ritrovo dei tifosi dellHellas Verona, sprangate e coltelli. Secondo quanto riferito da alcuni testimoni, i tifosi poco dopo mezzogiorno hanno sfondato la vetrina, lanciato in aria i tavoli e per alcuni minuti si sono barricati all'interno dell'esercizio commerciale.

Alan Ceruti, il proprietario, ha raccontato anche di aggressori armati di coltelli e della presenza di alcuni bambini che erano lì per poter guardare alla tv proprio la partita dell'Hellas con i propri genitori. I tifosi napoletani che hanno devastato un bar, ieri in pieno centro, devono essere consegnati alla giustizia. Mi ha avvisato una persona che era qui fuori e abbiamo puntellato e chiuso la porta e resistito fino a quando non se ne sono andati. Chi ha assaltato il bar non è definibile tifoso ma ha un solo nome: "delinquente".

Per il parlamentare del Movimento Cinque Stelle Mattia Fantinati si tratta di un "atto gravissimo da condannare con massima fermezza. Ciò che è successo merita una adeguata repressione, ma merita anche da parte delle Forze dell'ordine un utilizzo in chiave preventiva per migliorare sempre di più la rete di protezione cittadina".


Popolare

COLLEGARE