Ue: Gentiloni, incoraggiare speranze ingresso Paesi Balcani

"Ci sono paesi europei che avranno una crescita inferiore, e anche un grande paese amico dell'Italia che ha deciso di uscire dall'Ue, e avrà un livello di crescita inferiore al nostro", ha sottolineato il presidente del consiglio.

"I dati Istat - ha dichiarato - ci parlano di una crescita tendenziale dell'1,8%". Dobbiamo essere più consapevoli che la sostanza del discorso non sono le cifre, ma è capire che il Paese s'è rimesso a crescere, anche se questa crescita non ha risanato le cicatrici della crisi.

"Da ieri non siamo più il fanalino di coda in Europa".

"Resta la sfida di come reagire al cambiamento d'epoca, come dice Papa Francesco, che contiene elementi di straordinaria opportunità: non possiamo non essere felici che aumentano le condizioni di vita, della rivoluzione digitale, la robotica - ha aggiunto Gentiloni -". Le riprese economiche possono essere senza lavoro, e per far sì che non sia così, ci ha la rappresentanza di governo deve intervenire contro esclusione e povertà. "Il governo - ha assicurato infine - farà la sua parte e una parte rilevante della manovra è il pacchetto impresa 4.0".

"La Bulgaria organizzerà a maggio un vertice dell'Ue dedicato ai Balcani, l'Italia assegna a questo appuntamento una grande importanza perchè bisogna ridare un messaggio di fiducia e speranza ai Paesi dei Balcani occidentali che non devono considerare la porta dell'Ue come una porta chiusa o semi chiusa, devono continuare a poter confidare su questa prospettiva". Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità.


Popolare

COLLEGARE