Regionali, Micari: "Conto a grande chiusura a Palermo con Renzi"

"La mia Sicilia sarà olimpionica".

Il siracusano Sandro Campagna assessore regionale allo sport della potenziale giunta Micari. Circondato da altri pallanuotisti, tra cui Fabio Gioia e Giulia Noera, i dirigenti del Cus, l'argento olimpico di mezzofondo a Seul '88 Totò Antibo, l'allenatore del "Palermo dei picciotti" Ignazio Arcoleo e giovani atleti locali, Micari ha chiarito i punti chiave del suo progetto: "Io ho due sogni, ovvero Sicilia porta d'Europa con i grandi commerci che vengono da Sud e l'altro sarebbe quello di portare in Sicilia le olimpiadi nel 2032". Vogliamo che la Sicilia torni ad essere una terra di grandi eventi sportivi.

L'autonomia statutaria. Il candidato dei Cinque Stelle punta tutto sulla riaffermazione della questione dell'autonomia statutaria: "Il Movimento 5 Stelle considera fondamentale garantire e riaffermare il riconoscimento della "specialità" in favore della Sicilia, che trova fondamento nello Statuto della Regione Siciliana".

"Mi sono candidato per diventare presidente della Regione Siciliana e sono sicuro di farcela, ma se così non fosse non intendo occupare il posto da deputato (per la precisione consigliere regionale ndr) che mi spetta". "Dall'impiantistica agli aiuti alle società, all'educazione sportiva e alimentare per i ragazzi".

"Dieci mesi fa, dopo il referendum del 4 dicembre che ha visto una stragrande maggioranza dei siciliani votare "NO", ho capito che i siciliani non sono disaffezionati alla politica ma a questo tipo di politica". Siamo forze di sinistra con valori simili, che parlano di diritti, di lavoro.

Croce rivolge un accorato appello al candidato Cancelleri a porgere le sue pubbliche scuse al Presidente Musumeci nella speranza che questi scorci di pubblicizzazione elettorale possano rientrare nella dialettica democratica senza ulteriori sbavature che nulla aggiungono ma anzi tolgono.


Popolare

COLLEGARE