Pierpaolo Marino contro Ausilio e l'Inter, pesanti critiche sul mercato

"Siamo molto contenti del gruppo che abbiamo perché lavorano tutti bene e alzano la qualità media - ha commentato Ausilio -".

"Sono di stamattina le dichiarazioni di Piero Ausilio che mi hanno intristito e stupito, ha detto che a gennaio non ci si deve aspettare niente perché non possono muoversi per il solito fair play finanziario e devono vendere prima di comprare".

La coperta un po' corta è una delle situazioni migliorabili, ma l'assenza delle coppe europee è un vantaggio in questo senso: "Spalletti ha spiegato perché giocano sempre gli stessi, non è una questione di condizione fisica perché il giorno dopo la partita con chi ha giocato meno si fa un lavoro più intenso. Penso che la nostra strada sia nel miglioramento continuo, noi guardiamo tante partite e tanti calciatori, ma le prestazioni sono il nostro obiettivo, come il lavoro e la voglia di chi gioca meno di trovare posto in campo". Dal punto di vista mentale il mister parla con tutti, sono tutti motivati e cercano di mettere in difficoltà l'allenatore. Il direttore sportivo dell'Inter ha precisato che nel prossimo mercato di gennaio, in caso di operazioni in entrata, bisognerà lavorare in uscita a causa del FPF. "La squadra va benissimo così e oltretutto gennaio è un mercato sempre complicato, perché le occasioni sono molto rare". "Sono tutti giocatori internazionali, e' difficile trovarne di migliori". Perisic? Sapevamo cosa poteva darci, ha sposato questo progetto e quindi è sereno e tranquillo. "Per me è un top player".


Popolare

COLLEGARE