Panama Papers: conti vip offshore, da Elisabetta a Bono

Poi star della musica come Bono Vox e Madonna. L'ex generale Wesley Clark, già comandante supremo della Nato in Europa. Il co-fondatore di Microsoft, Paul Allen, amico di Bill Gates.

Non si salvano neanche il braccio destro e regista dell'ascesa politica del premier canadese Justin Trudeau, Stephen Bronfman, e i colossi Usa Apple e Nike (accusati di aver usato artifici vari per eludere il fisco), oligarchi e imprese a partecipazione statale russi, con il coinvolgimento di Paesi vari: da Malta alla Repubblica del Congo. Il finanziere di origini ungheresi, George Soros, colui che nel 1992 fece saltare la lira e la sterlina fuori dallo Sme. Sono nomi che compaiono, con moltissimi altri, in una lunga lista di personaggi eccellenti, accomunati da una caratteristica: "hanno investito in società offshore".

Le élite mondiali cercano di sfuggire le tasse e fanno 'volare' i loro investimenti nei paradisi fiscali. Oltre 13,4 milioni di documenti riservati ottenuti dal tedesco Suddeutsche Zeitung che li ha condivisi con l'International Consortium of Investigative Journalists e i suoi partner tra i quali il Guardian, la Bbc, il New York Times e l'Espresso che pubblica in esclusiva per l'Italia insieme con Report, la trasmissione d'inchiesta di Raitre.

I potenti e i vip di tutto il mondo stanno tremando: è appena stato scoperchiato lo scandalo dei Paradise Papers.

Il nome in codice della nuova inchiesta giornalistica internazionale è Paradise Papers ed è firmata dallo stesso network dei Panama Papers, le carte segrete dello studio Mossack Fonseca che nel 2016 hanno per la prima volta svelato come i big della Terra occultano i propri patrimoni nei paradisi fiscali e societari.

Dentro i Paradise Papers ci sono nomi veramente importanti: c'è la regina d'Inghilterra, ma anche quella di Giordania, c'è Madonna, ma anche Bono, c'è il tesoriere del primo ministro canadese Trudeau, ma anche un ministro di Trump.

Il segretario al Commercio di Donald Trump, Wilbur Ross, coinvolto nella nuova inchiesta sui paradisi off-shore gestisce affari che hanno legami con il genero del presidente russo Vladimir Putin.


Popolare

COLLEGARE