Ostia, Roberto Spada viene portato a Regina Coeli

Spada è stato prelevato con l'auto dei carabinieri e portato via. Alcune delle persone che hanno assistito al fermo, hanno insultato i rappresentanti delle forze dell'ordine Secondo quanto accertato da chi indaga, al momento dell'aggressione erano presenti in strada una decina di persone.

I carabinieri intanto stanno completando l'identificazione del complice di Spada che, mentre Roberto picchiava Piervincenzi, si sarebbe scagliato contro Anselmi. Leggere lesioni anche per il cameraman, colpito ripetute volte dal bastone impugnato da Roberto Spada. Piervincenzi ha denunciato ieri sera l'aggressione. Spada aveva espresso pubblicamente il proprio appoggio a Casapound e in una foto pubblicata sul proprio profilo facebook posa sorridente accanto a Luca Marsella, candidato alla presidenza del municipio di Ostia proprio per Casapound.

Un episodio gravissimo che ha sconvolto l'opinione pubblica, soprattutto perché avvenuto in una zona che è poco "raccontata" dai media.

IL 'BOSS' DELLA SERIE TV SUBURRA: "IL VOLTASTOMACO" "Il voltastomaco".

Il giornalista è tornato a parlare dopo l'aggressione subita, per sottolineare che "non è un naso rotto che ci può fermare". "Noi siamo completamente distanti, non sosterremo nessuno, invitiamo gli elettori ad andare al mare anche se non è brutto tempo". "Qui gli Spada l'hanno sempre fatta da padrone".

"Alle spranghe si risponde con le telecamere e i taccuini" scrive il Sindacato dei cronisti romani, che dà appuntamento a tutti i giornalisti venerdì alle 11 di mattina, per "occupare" Ostia in maniera non violenta, "armati" solo degli strumenti di lavoro: taccuini, telecamere e microfoni. L'interrogatorio di convalida dovrebbe svolgersi domani in mattinata davanti al gip di Roma, Annamaria Fattori. I militari hanno eseguito il fermo su disposizione della procura di Roma. E la destra ha detto che è pronta a fare l'accordo con Casapound.


Popolare

COLLEGARE