Libano: Hariri sospende dimissioni su richiesta Aoun

Il presidente e il primo ministro libanesi, hanno partecipato alle celebrazioni in occasione del 74esimo anniversario dell'indipendenza del Libano e, proprio nell'ambito dell'incontro con Aoun, al-Hariri ha inteso sottolineare che le dimissioni preannunciate quasi tre settimane fa dall'Arabia Saudita, erano frutto della sua profonda irritazione per le continue ingerenze dell'Iran negli affari interni libanesi e per le minacce di morte pervenute dagli sciiti di Hezbollah. "Ho presentato le dimissioni al presidente e lui ha auspicato che si prenda tempo per riflettere sulle cause (delle dimissioni)".

Per assistere alla parata militare in centro a Beirut, è seduto accanto al presidente libanese Michel Aoun e al presidente del Parlamento Nabih Berri.

Dopo il colloquio il primo ministro ha manifestato la sua gratitudine al presidente della Repubblica: "Ringrazio Aoun per l'affetto che mi ha dimostrato", ha detto Hariri. "Ciò che mi importa è l'interesse del Libano, e soltanto il Libano".

Facendo riferimento alla politica di distanziamento del Libano dalle tensioni regionali, il premier libanese ha affermato: "Il distanziamento riguarda tutte le componenti politiche, migliora le nostre relazioni con i nostri fratelli arabi e permette al Libano di dialogare con tutti". In un discorso tenuto ieri, Nasrallah ha voluto comunque mostrare aperture nei confronti del premier libanese, sottolineato che "Hezbollah" è "aperto a qualsiasi dialogo, a qualsiasi discussione nel Paese".


Popolare

COLLEGARE