Inter, Chiesa non è Berardi: Spalletti spinge, il "sacrificio" vale

L'ultimo incontro tra Federico Chiesa e la Fiorentina è stato positivo. Perché è stata la proprietà ad avallare lo sprint decisivo di Corvino. Come lo Zenit di San Pietroburgo che l'estate scorsa attraverso Roberto Mancini mise sul piatto una proposta da quaranta milioni.

I nerazzurri insomma sono pronti a tutto per battere la concorrenza del Napoli, da sempre molto interessato a Chiesa come confessato più volte dal patron De Laurentiis. Il Napoli è uscito allo scoperto. Spalletti e l'Inter considerano il giovane Federico una pedina chiave per il progetto di crescita nerazzurro. Il nuovo contratto per il gioiello della Fiorentina è pronto, restano da limare gli ultimi dettagli, ma il figlio d'arte è pronto a rinnovare il sodalizio con la squadra viola diventando anche il giocatore più pagato della rosa, con un ingaggio di due milioni di euro che non prevede clausole rescissorie. I nerazzurri sperano di poter ridurre la parte in contanti inserendo una contropartita tecnica.


Popolare

COLLEGARE