Il regista Fausto Brizzi dice di avere avuto sempre rapporti consenzienti

Il regista Fausto Brizzi ha sospeso tutte le sue attività lavorative e, secondo l'Ansa, ha ceduto le sue quote della società di produzione cinematografica Wildside. E di fronte alle telecamere alcune attrici come Tea Falco, Giovanna Rei, Giorgia Ferrero hanno accettato di confermare "molestie e violenze".

Ora, invece, il suo nome circola a partire dal Corriere della Sera, che registra - però - ancje la smentita. Ma Fausto Brizzi, regista di film come Notte Prima degli Esami e Maschi contro Femmine, non ci sta e si difende attraverso una nota pubblicata oggi, sabato mattina 11 novembre 2017.

Ilregista romano respinge subito le accuse: "Ho appreso con grande sconcerto dagli articoli apparsi sulle pagine di alcuni quotidiani dell'esistenza di ipotetiche segnalazioni di molestie fatte da persone di cui non viene precisata l'identità". "Per questo - continua - escludo categoricamente di aver conferito mandato legale per trattare il risarcimento del danno in favore di presunte vittime". Procederò in ogni opportuna sede nei confronti di chiunque abbia affermato e affermi il contrario. "Chiedo a tutti il massimo rispetto della privacy della mia famiglia e, in particolare, di mia moglie". Brizzi è sposato dal 2014 con l'attrice fiorentina Claudia Zanella e nei giorni scorsi l'avvocato Marino era già intervenuto, con una lettera inviata a Dagospia, a smentire le voci di una crisi della coppia.

Anche Asia Argento interviene sul caso Brizzi, con un posto che riprende la difesa del regista su Repubblica, con un perentorio "Querelaci tutte" (come mostra l'immagine del post).

Neri Parenti commenta i casi di molestie che nelle ultime settimane hanno colpito il mondo di Hollywood e sottolinea: "È una cosa schifosa, è semplice, è sotto gli occhi di tutti".

Non avevo mai sentito una chiacchiera finora.

A finire nei guai ora è anche l'attore Steven Seagal, 65 anni (qui sopra nella foto). Il regista avverte anche di essere intenzionato a portare in tribunale chi insisterà nel coinvolgerlo nella "caccia al Weinstein italiano". "Un amico che si è comportato sempre correttamente".


Popolare

COLLEGARE