Gricignano. Sparatoria al centro immigrati

L'uomo, nelle ore precedenti, aveva dato fuoco, per protesta, alla sua stanza, causando l'evacuazione dei migranti alloggiati nello stabile interessato.

La vittima, trasportata d'urgenza presso il pronto soccorso dell'ospedale civile di Aversa, da personale del servizio "118" tempestivamente intervenuto sul posto, è stato trasferito poi all'ospedale "Cardarelli" di Napoli in rianimazione dove è tutt'ora ricoverato in prognosi riservata.

È questa la versione che Carmine Della Gatta, 43 anni, imprenditore di Gricignano, ha fornito agli investigatori dopo essersi presentato, nella notte tra venerdì e sabato, ai carabinieri della locale stazione accompagnato dal proprio avvocato Giovanni Cantelli, a seguito dell'episodio che lo aveva visto esplodere dei colpi di pistola, al culmine di una lite, contro un 19enne del Gambia, Bobb Alagiee, ospite del Centro di Accoglienza "La Vela", di cui lo stesso Della Gatta è gestore. I migranti del centro di accoglienza di Gricignano d'Aversa hanno deciso di bloccare la strada principale che conduce alla struttura.

Secondo quanto accertato dai carabinieri, a sparare, è stato uno dei soci del consorzio che gestisce dei centri di permanenza della Campania, il 43enne C.D.R.

Immediatamente è salito a bordo di un'auto insieme ad un'altra persona andando via dal centro e facendo perdere le proprie tracce.

Fortunatamente, le dichiarazioni di un testimone hanno permesso ai carabinieri di individuare, identificare e sottoporre a fermo Della Gatta. I carabinieri, ispezionando il luogo ove è avvenuta la sparatoria, hanno rinvenuto e sequestrato un'ogiva conficcata nell'asfalto. I motivi del gesto sono verosimilmente riconducibili ad alcune manifestazioni di protesta inscenate dal cittadino straniero nelle scorse settimane. Lo afferma il senatore Luigi Manconi in relazione "al gravissimo fatto criminale avvenuto nel Cas di Gricignano di Aversa, a causa del quale un richiedente asilo di origini gambiane e' in fin di vita dopo essere stato ferito a colpi di arma da fuoco".


Popolare

COLLEGARE