Contatta la madre naturale e scopre di essere nata da uno stupro

La madre naturale di Luisa, consapevole delle voglia della 29enne di incontrarla e scambiare quattro chiacchiere con lei, ha spiegato in una lettera il motivo della sua indifferenza. E' la storia di Luisa Velluti, 29enne di Falcade, in provincia di Belluno, ragazza che non ha mai conosciuto i suoi genitori e che da anni cerca disperatamente di rintracciare la madre. Aveva chiesto info al tribunale che aveva gestito la procedura della sua adozione, ma la madre aveva detto 'no', non aveva mettersi in contatto con lei. Da quel giorno Luisa ha iniziato a cercare la madre biologica, ci ha provato anche attraverso col Tribunale dei minori di Venezia e lanciando un appello a " Chi l'ha visto?

"Mamma, è da tanti anni che ti cerco e non sono mai riuscita ad arrivare a te, desidero incontrarti; fatti viva, io ti aspetto".

Dopo diversi tentativi di ricerca, finalmente la risposta della madre è arrivata nella giornata di ieri, con un messaggio recapitato nella buca delle lettere.

Luisa ora sa che è il prodotto di una violenza sessuale. Non ho scelto io di chiamarti così né di averti', recita uno stralcio della lettera scritta dalla madre di Luisa. "Per me sei solo la più dolorosa ferita che ho avuto a 18 anni. Tutto potevo Tutto sognavo e tutto potevo sperare, ma non certo la violenza che ho subito e di cui tu sei simbolo". "... Ricordo i suoi maledetti occhi azzurri...", scrive la donna-ragazza madre che chiede privacy. La donna aveva deciso di portare avanti comunque la gravidanza.

La donna, che non ha voluto svelare alla figlia la sua identità, ha dunque invitato Luisa a non cercarla mai più, a dimenticarsi di lei. "Non sbandierare una storia che non c'è". Se non con enorme delusione.

Luisa, alla fine, si è rassegnata anche se un pizzico d'amarezza resta: 'Avrei preferito che certe cose me le avesse dette guardandomi negli occhi'.

In ogni caso, prima di considerare vera quella lettera, la trasmissione Rai sta effettuando tutte le verifiche del caso.


Popolare

COLLEGARE