Valentino Rossi: "Dopo Aragon, pronto per Motegi"

Valentino Rossi si presenta in Giappone in condizioni fisiche nettamente migliori rispetto ad Alcaniz dove la sua partecipazione sapeva di mezzo miracolo dopo il recupero a tempi record dall'infortunio. Motegi però è una pista cara al team italiano, che qui ha vinto 4 volte nella massima serie: 3 consecutive con Loris Capirossi, dal 2005 al 2007, e una con Casey Stoner nel 2010; ma il Twin Ring soprattutto è la pista dove 10 anni fa la 'rossa' vinceva, proprio con il fenomeno australiano, l'unico titolo mondiale della sua storia, al termine di una stagione dominata.

Il 31enne pilota della Ducati proverà sicuramente a giocarsi le proprie carte su un tracciato che lo scorso anno lo vide partire dalla seconda fila e riuscire a chiudere con un ottimo secondo posto dopo aver controllato la rimonta di Viñales. Ho fatto tutto il possibile per arrivare in forma per la gara di Motegi, perché questo è sempre un GP importante per la Yamaha.

"Sono molto emozionato" ha poi aggiunto Sam Lowes, a punti sul tracciato giapponese solo nel 2015, quando tagliò il traguardo in ottava posizione, "non solo per la gara di Motegi ma anche per gli appuntamento successivi". Infatti, tolto il gran premio di Silverstone in cui il motore ha ceduto, la RC213V è sempre salita sul podio: "La cosa più importante per noi è che, tolta Silverstone, da Barcellona siamo saliti sul podio in ogni gara".

JORGE LORENZO "Il podio conquistato ad Aragon è stato fondamentale perchè ha dimostrato la nostra cresciuta competitività. Ma il mio obiettivo è imparare ed essere ancora più forte: sono convinto che, con il sostegno degli incredibili tifosi sul circuito di Motegi, riuscirò a dare il 100%". "Darò tutto per fare il miglior risultato possibile".


Popolare

COLLEGARE