Tunisia: nave militare sperona barcone carico di migranti, strage in mare

E' di otto morti recuperati in mare e 38 superstiti il bilancio provvisorio di un barcone affondato, probabilmente a seguito di una collisione con una nave da guerra tunisina, avvenuta nella notte a sudovest di Lampedusa.

Quattro navi italiane e un aereo delle forze maltesi sono intervenute sul luogo dell'incidente. I migranti che viaggiavano sul peschereccio, per la maggior parte di nazionalità tunisina, si sarebbero gettati in mare poco prima dell'impatto e sono stati tratti in salvo, eccezion fatta per 8 di loro che non ce l'hanno fatta.

Secondo quanto si è appeso a Roma, dopo lo scontro la barca con a bordo i migranti è affondata. Da alcuni giorni la Tunisia, infatti, ha impegnato navi della guardia costiera e della marina nel controllo delle frontiere proprio per impedire che i barconi carichi di migranti salpino verso il sud dell'Europa. Sono proprio le autorità di Malta che stanno coordinando le operazioni di soccorso alle quali partecipa anche l'Italia.


Popolare

COLLEGARE