Prix Italia: Michael Radford racconta la vita di Andrea Bocelli

Stasera alle 21.25, in prima visione, Rai1 presenta La musica del silenzio, film biografico del 2017 diretto da Michael Radford (Il postino), tratto dall'omonima autobiografia di Andrea Bocelli e interpretato da Toby Sebastian, Antonio Banderas, Luisa Ranieri, Jordi Molla, Ennio Fantastichini, con la partecipazione speciale dello stesso Bocelli. Una produzione Picomedia - Ambi Media Group in collaborazione con Rai Fiction. Come Andrea Bocelli ha osservato, tutto ha una concatenazione: "Il caso non esiste", ha specificato l'artista, che quindi si è sentito in qualche modo predestinato a questa vita dopo l'incidente (qui il video dell'intervista). Amos Bardi (alter ego del cantante) nasce con il dono di una voce che si manifesta di gran pregio fin da bambino, contemporaneamente ha però un grave problema agli occhi che lo rende quasi cieco. Amos vede chiaroscuri e contorni, non di più. Il glaucoma lo costringe a una lunga serie di interventi chirurgici e a separarsi dalla famiglia per entrare in un istituto per non vedenti ed imparare il Braille.

Nonostante tutto, Amos non si arrende. Mosso dalla grande passione per il canto, riuscirà a raggiungere il primo successo in palcoscenico, preludio a una carriera che lo porterà ad esibirsi nei più grandi teatri del mondo.

Il cast completo del film è composto da: Toby Sebastian (Amos Bardi), Antonio Banderas (Il Maestro), Jordi Mollà (Sandro), Alessandro Sperduti (Adriano), Luisa Ranieri (Edi), Antonella Attili (signora Giamprini), Paola Lavini, Francesca Prandi (Katia), Anthony Souter (Umberto), Daniel Vivian (Uomo russo), Nadir Caselli (Eleonora), Francesco Salvi (Ettore), Ennio Fantastichini (zio Giovanni), Emanuela Aurizi (Oriana) e Mariella Lo Sardo (zia Olga).

Immancabile la citazione alla Andrea Bocelli Foundation per l'impegno su Haiti, impegno che si è spostato anche sul territorio italiano per la ricostruzione di alcune delle strutture andate perdute durante il terremoto che ha colpito il centro Italia nell'agosto del 2016.


Popolare

COLLEGARE