Pioli: "Con il Torino sarà uno scontro diretto"

Siamo molto motivati per la sfida di domani, è una partita importante. "Le somme si tireranno solo a fine campionato, al massimo faremo una prima riflessione soltanto nel corso della sosta invernale, a inizio gennaio". La reazione del Benevento si spegne sul palo (35') quando Cataldi cerca la stoccata di precisione dalla distanza: il portiere non ci arriva, ma il legno salva la Fiorentina. Dovremo essere compatti in fase difensiva perché il Torino è una squadra organizzata che ha buone qualità in attacco. Adesso nelle mie scelte c'è qualcuno più alto nelle gerarchie, ma dipende sempre da prestazioni e lavoro quotidiano.

Proprio sui progressi della sua squadra il tecnico viola ha dichiarato: "Per il nostro livello tecnico dobbiamo migliorare ed essere più precisi". Questo perché la FIGC, d'intesa con il Ministro per lo Sport e l'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane (UCEI), ha disposto l'effettuazione di un minuto di riflessione su tutti i campi di calcio per condannare i recenti episodi di antisemitismo e per continuare a coltivare la memoria della Shoah e l'impegno della società civile tutta, soprattutto assieme ai giovani, affinché ogni contesto sportivo sia luogo che trasmetta valori e formi le coscienze. "Loro non sono in crisi _ dice l'allenatore della Fiorentina, Stefano Pioli_ si tratta di una squadra che ha un potenziale offensivo importante a prescindere da Belotti". Domani potremmo fare benissimo e magari avere un calo tra due mesi. Babacar deve dimostrare di essere migliore dei suoi compagni per essere titolare, ha fatto bene a Benevento e deve insistere così. "Rimanere corti è la soluzione per evitare di concedere spazi pericolosi". Chiesa si lancia in contropiede a cento all'ora e serve in profondità per Babacar, steso sull'uscita di Brignoli.


Popolare

COLLEGARE