Nobel fisica, Ferroni (Infn): premiata la scoperta del secolo

Nobel per la Fisica 2017 agli scopritori delle onde gravitazionali Kip Thorne, Ray Weiss e Barry Barish. Sono state menzionate le collaborazioni internazionali Ligo e Virgo. Attualmente è docente presso il California Institute of Technology. Così il presidente dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf), Nichi D'Amico, commenta l'assegnazione del Premio Nobel 2017 per la Fisica alla scoperta delle onde gravitazionali. LIGO, acronimo in inglese per Osservatorio interferometro laser delle onde gravitazionali, è un progetto collaborativo a cui hanno partecipato oltre 1.000 ricercatori in più di 20 Paesi. Per decenni gli scienziati hanno cercato indizi di vario tipo per dimostrarne l'esistenza direttamente, ma fino al 2015 i loro tentativi erano stati viziati da interferenze di vario tipo e dalla mancanza di strumentazioni sensibili a sufficienza. "Loro hanno contribuito con idee e azioni originali, che ci hanno permesso di raggiungere questo risultato, una pietra miliare nella storia della fisica moderna". Il mondo scientifico puntava a questi tre nomi perché sembrava impossibile che non si premiasse la storica scoperta del febbraio 2016, quando al mondo fu annunciato che Albert Einstein aveva ragione e che erano state catturate le onde. I telescopi dell'Inaf ha aggiunto "sono già all'opera per produrre le prime 'fotografie' delle sorgenti di onde gravitazionali, a tutte le lunghezze d'onda, da terra e dallo spazio".

Il direttore dell'Infn ha dedicato il premio ad Adalberto Giazotto, definendolo il "papà di Virgo".

La sensibilità del rivelatore è stata aumentata grazie alla nuova versione di Virgo (Advanced Virgo), che ha appena concluso la prima fase congiunta di osservazione con Ligo: i due rivelatori hanno lavorato insieme come un unico, potentissimo strumento. Come le onde generate da un sasso che cade in uno stagno, le onde gravitazionali percorrono l'universo alla velocità della luce creando increspature dello spazio-tempo finora invisibili. Le onde gravitazionali sono le 'vibrazioni' dello spazio-tempo provocate dai fenomeni più violenti dell'universo, come collisioni di buchi neri, esplosioni di supernovae o il Big Bang che ha dato origine all'universo. E' un osservatorio Usa ideato per il rilevamento delle onde gravitazionali, fondato nel 1984 proprio da Thorne e Barish. "L'Italia e i suoi centri di ricerca hanno avuto un ruolo di primissimo piano nella scoperta delle onde gravitazionali grazie al progetto Virgo, nato dall'idea di Adalberto Giazotto e del francese Alain Brillet".


Popolare

COLLEGARE