Morti tre bambini e il padreun altro in gravi condizioni

L'uomo di 49 anni si è ucciso dopo aver appicato le fiamme. Oggi a San Fermo della Battaglia, nella provincia di#Como, la scure delle disperazione si è abbattuta in maniera tragica su un intera famiglia dove, pur non essendoci di mezzo una separazione, le tensioni familiari e lavorative hanno condotto un 49nne di origine marocchina padre di quattro bambine a dare fuoco alla propria abitazione con le figlie all'interno. Ha appiccato il fuoco e poi (l'esatta dinamica verrà stabilita dai medici legali) quando i bambini sono svenuti per il fumo, li ha composti con sé sul lettone - o lo ha fatto mentre loro dormivano - aspettando anche lui la morte insieme a tutto quello per cui aveva vissuto fino a quel momento. Tutta la famiglia era seguita dai servizi sociali di Como e si trovava in una situazione di evidente difficoltà. Morte invece le sue due sorelline, portate all'ospedale Sant'Anna di Como, e il fratellino al Valduce di Como.

"So che la famiglia era in difficoltà economiche tanto che in alcune occasioni io stessa ho portato loro dei generi alimentari e 12 litri di latte: lui si mise quasi a piangere".

L'unica sopravvissuta è una bimba di 5 anni. I piccoli, che non hanno riportato ustioni, sono tutti rimasti intossicati dal fumo. So anche che aspettava la risposta di un giudice, ma non so bene su cosa esattamente.

"Stamani alle 7,30 sono uscito dalla palazzina a fare due passi e non mi sono accorto di niente". "Il papà era un uomo molto dignitoso - racconta il signor Reza -". Era davvero premuroso ma so che ha avuto problemi sul lavoro per via delle sue assenze dovute proprio alla necessità di accudire i 4 figli. Da un po' di tempo, da quando la moglie era stata ricoverata per depressione, stava sempre con i bambini. "Ma il sociale dov'è?". Le fiamme sono state subito spente dai vigili che poi sono entrati all'interno dell'appartamento con l'autoscala.


Popolare

COLLEGARE