Milan, attento a Borja Valero: sta crescendo e conosce Montella

"Il derby e la partita di Napoli non saranno chiave per la stagione, ma affrontare le più forti del campionato è sempre importante e, se usciremo vittoriosi da queste partite, è sempre importante".

Uno a guidare il centrocampo dell'Inter, l'altro sulla panchina del Milan: Borja Valero e Vincenzo Montella, amici contro, almeno per una sera. Il centrocampista voluto in estate e ottenuto dal tecnico Luciano Spalletti a pochi giorni dalla stracittadina milanese racconta: "Il mio primo gol in Serie A l'ho fatto al Milan: ho segnato poco, ma a me piace aiutare la squadra". I dati sono obbligatori al fine di autorizzare la pubblicazione del commento e non saranno pubblicati insieme al commento salvo esplicita indicazione da parte dell'utente. Servirebbe più furbizia in alcune gare, nella gestione dei momenti in tutto l'arco dei 90 minuti. Sappiamo a cosa giochiamo, lo facciamo consapevoli e sta andando bene.

OBIETTIVO COLLETTIVO - "Sono contento di questo inizio, alla fine ciò che conta sono i risultati e non l'aspetto individuale". Farà di tutto per vincere gli piace, noi faremo di tutto per non permetterglielo. "Può essere un'opzione, ma non si sa mai cosa accadrà". Che io sappia no. Spalletti?

Per lui si tratta comunque di un "ritorno": ritroverà Montella, con cui ha condiviso tantissimo ai tempi della Fiorentina. Con lui a Firenze, dove ho lasciato un pezzo di cuore, avevo un grande rapporto: sono stati tre anni ricchi di soddisfazioni.


Popolare

COLLEGARE