Marchionne: Stagione Ferrari non è persa, noi alla pari con Mercedes

Una crisi di affidabilità che ca compromesso la corsa della Ferrari nel momento cruciale della stagione e che rischiano di lasciare in eredità tanti rimpianti. Finché la matematica non darà ragione a Lewis Hamilton (potrebbe arrivare già ad Austin.ndr), Sebastian Vettel dovrà correre per raccogliere il massimo possibile di punti. L'umore in casa Ferrari non è rosso anzi il contrario: nero come il periodo che stanno vivendo gli uomini di Maranello da un mese a questa parte.

Comunque sia, spiega che a suo parere "la stagione" in Formula 1 "non è persa, c'è ancore tempo per rifarsi". Sono contentissimo di quanto ha fatto la squadra. Marchionne vuole una Ferrari combattiva, aggressiva e capace di aggredire la Mercedes nei restanti quattro appuntamenti del mondiale. Parlando con la stampa, l'amministratore delegato e presidente del cavallino rampante si è spinto infatti oltre rispetto alla conference call di agosto, quando disse che un suv "probabilmente ci sarà".

Dopo Sepang il presidente ha sollevato il problema della qualità dei componenti, non all'altezza di un progetto di vertice e in un'era tecnica così complessa. "Quando è un componente che costa 59 euro che fa saltare una gara, in macchine che costano milioni di euro, avere un problema simile, una schiocchezza tecnica che ormai non viene più considerata un punto importante, dà veramente fastidio".

Marchionne è convinto che la SF70H sia una monoposto competitiva e non teme un ritorno della Red Bull... Al termine del Gp di Suzuka, infatti, ha dichiarato: "Io e Seb ci siamo abbracciati per dire che non vogliamo mollare. Con tutta la modestia che abbiamo in Ferrari, la macchina ha fatto dei passi avanti enormi".


Popolare

COLLEGARE