Lazio, Immobile felice: "Stiamo facendo qualcosa di incredibile"

Ora sulla sponda biancoceleste di Roma si sogna: "La classifica è bella, ci godiamo il momento e queste sei vittorie di fila, quello che stiamo facendo è davvero incredibile". "Qualitativamente forse abbiamo qualcosa in meno rispetto alle tre squadre che ci precedono in classifica, ma con la volontà e il carattere che abbiamo vogliamo cercare di colmare il gap". Se volessimo aggiungere anche i gol realizzati in Coppa, allora l'ex Toro si attesta a quota 17, nessuno più di lui in Europa riesce a fare meglio, neppure Messi ed Aubameyang, mostri sacri che non hanno bisogno di presentazioni, che si fermano, rispettivamente, a 15 e 14 gioie personali.

INzaghi - Anche Simone Inzaghi parte dala continuità data dai rinnovi: "I rinnovi di Immobile e Strakosha? Fino a Natale ci sarà da pedalare e correre". Pippo sta facendo una piccola impresa con il Venezia, ma siamo solo all'inizio e dobbiamo continuare ad andare avanti così. Tutto bene, durante la presentazione del match e durante l'inno della Serie A, il difficile è arrivato quando si è trattato di portare il bambino in panchina e poi accompagnarlo in tribuna: il piccolo Bastos infatti non voleva saperne di abbandonare il tecnico Simone Inzaghi, probabilmente sperando che l'avrebbe a un certo punto fatto entrare in campo al posto del papà. Sono dovuti intervenire due steward per trascinare letteralmente il bambino piangente fuori dal terreno di gioco, non senza tentativi disperati di abbarbicarsi alla panchina di Inzaghi e non senza pianti a dirotto. Immobile può essere paragonato a suo fratello? .

OBIETTIVI - Stima ed affetto reciproco, oltre che un innato talento ha portato entrambi in cima all'Olimpo del calcio, prima da calciatori, poi da allenatori. Il modulo? Devo vedere nelle prossime partite, dipende dalla mattina stessa. "La Lazio ha meritato di vincere ma oggi il risultato è esagerato, alcuni episodi ci sono girati contro". Una settimana fantastica, quella appena trascorsa, che ha rilanciato le ambizioni dei biancocelesti in Europa e in Italia e oramai anche i tifosi iniziano a credere nella qualificazione Champions. "Siamo una grandissima squadra".


Popolare

COLLEGARE