Google Home Mini e Max, speaker intelligenti con Google Assistant

L'evento Google (QUI il nostro Live Blog!) è ancora in corso, e il primo prodotto presentato è la nuova generazione di speaker smart Google Home. Ecco allora che si punta all'ecosistema, alla perfetta compenetrazione tra software e hardware per sfruttare tutte le potenzialità a disposizione, per far sentire l'utente al centro del progetto.

I due dispositivi ufficializzati durante l'evento Google tenutosi a San Francisco arricchiranno la lineup dei prodotti Home, pensati da Google per rendere realtà odierna la casa del futuro.

In fase di presentazione avevano anticipato che sarebbe stato aggiunto un nuovo Paese alla lista di quelli in cui arriverà ufficialmente Google Home.

Google, infatti, ha registrato la risposta in frequenza in oltre mille ambienti per addestrare il sistema di machine learning integrato, sistema che sarà in grado anche di adattarsi dinamicamente ai suoni ambientali come una lavatrice in funzione o una finestra aperta. E' rivestito in tessuto e sarà disponibile in arancione/rosso, grigio chiaro e grigio scuro.

Costerà appena 49 dollari negli Stati Uniti, e sarà disponibile per il preordine più avanti in giornata.

Il Google Home Max sarà disponibile a partire dal mese di dicembre 2017 ad un prezzo di lancio di 399 dollari.

Google Home Max è semplicemente una versione premium di Google Home Mini, le cui dimensioni ridotte implicano vari limiti invalicabili per quanto concerne il settore audio. Google, quindi, ha pensato di presentare anche Google Home Max, di dimensioni più generose ma votato completamente alla multimedialità. Al suo interno alloggiano due woofer da 4,5 pollici ciascuno dei quali corredato di un tweeter.

Inoltre, l'aggiornamento introduce anche una modalità notturna: questa permette di abbassare automaticamente il volume di Google Home ad una certa ora del giorno, ridurre la luminosità dei LED (nel caso in cui vi tengano svegli la notte) e impostare una modalità Non disturbare che disabilita le notifiche e si attiva insieme alla modalità notturna. L'AI di Google, grazie a Smart Sound, comprende la configurazione della stanza ed adatta di conseguenza l'audio, per una prestazione sonora elevata.

Tra le altre migliorie anche la possibilità di rispondere a domande più complesse del tipo "Ok Google, telefona alla pizzeria in corso Roma", senza la necessità di ricordarsi il nome preciso.


Popolare

COLLEGARE