Disoccupazione: a settembre ferma all'11,1% ma cresce quella giovanile

La disoccupazione nella zona euro è scesa a 8,9% a settembre, dal 9% di agosto, segnando il tasso più basso da gennaio 2009.

(Teleborsa) - Cala la disoccupazione dell'Eurozona nel mese di settembre. A settembre risulta poco mosso anche il dato relativo al numero dei disoccupati, sempre considerando il confronto congiunturale (-5 mila, pari a 2 milioni 891 mila).

Un'altra novità, invece, riguarda i posti fissi che sono in calo. Un incremento che somiglia a un rimbalzo, visto che quest'estate l'inattività aveva toccato i suoi minimi storici.

Ancora troppe persone però in cerca di lavoro.

L'Istituto di statistica ha rilevato anche che su base mensile sono aumentati i lavoratori indipendenti (+19 mila), mentre sono calati i dipendenti (-17 mila) interrompendo l'andamento positivo registrato dall'inizio dell'anno.

Va meglio se raffronta il periodo luglio-settembre, periodo nel quale si registra una crescita degli occupati rispetto al trimestre precedente (+0,5%) ma l'aumento, che si concentra quasi esclusivamente nell'occupazione a termine, non interessa la fascia d'età dei 35-49enni. Su base annua gli occupati salgono di 326 mila unità.

Il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) risale invece al 35,7%, con un aumento di 0,6 punti percentuali su base mensile.


Popolare

COLLEGARE