Corea del Nord, report dell'università di Harvard: "Armi biologiche nell'arsenale di Kim"

"Le passate amministrazioni e i Presidenti che mi hanno preceduto hanno negoziato con la Corea del Nord per anni, facendo accordi e spendendo una enorme quantità di denaro". Così pure il proprietario della Lawrence Wholesale, il distributore alimentare della California, Mark Liszt, ha assicurato: "Siamo intermediari, cerchiamo di visitare di persona gli impianti da cui ci riforniamo, ma non è un mondo perfetto in cui possiamo recarci in ogni singolo posto". La scorsa settimana, l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche ha messo in guardia la Corea del Nord, avvertendo che lo stock di armi chimiche posseduto dalla Corea del Nord crea preoccupazione per la pace e la stabilità nella penisola coreana e nell'area.

Con queste parole si conferma un'indole apparentemente aggressiva, oltre che una sorta di strategia di comunicazione alla base del comportamento aggressivo di Kim: il dittatore vuole spaventare senza in realtà fare del male. Ma la Repubblica popolare di Corea ha finora ignorato tutte le richieste, ed è probabile che abbia addirittura aumentato la produzione.

Un vero e proprio 'esercito' di lavoratori nordcoreani, che - tra l'altro - è tenuto in condizioni di semi-schiavitù, non può licenziarsi, e riceve solo una piccola parte dello stipendio, tutto il resto va ad alimentare le casse di Pyongyang che deve sostenere sanzioni sempre più elevate, a causa del suo programma nucleare.

Nonostante la sua vicinanza geografica e i confini condivisi con la Corea del Nord, la Russia occupa un ruolo di secondo piano nella questione dello sviluppo nucleare nordcoreano; il ruolo di leader viene ricoperto da Pechino.

Nostre armi nucleari potente deterrente - L'arsenale nucleare della Corea del Nord costituisce un "potente deterrente" che garantisce la sovranità del Paese di fronte alle "protratte minacce nucleari degli imperialisti statunitensi".: lo ha detto ieri il dittatore nordcoreano in una seduta del Comitato Centrale del Partito del Lavoratori, di cui riferiscono i media internazionali.

La sorella di Kim, Kim Yo-jong, regista della propaganda, è stata promossa tra i nuovi membri del politburo. Kim ha chiesto che "nel futuro" si continui "in modo invariato su questo cammino".


Popolare

COLLEGARE