Arrestato per pornografia minorile un giudice messinese

Nei suoi confronti è stata emessa un'ordinanza di custodia cautelare in carcere da parte del Gip della città dello Stretto.

Il giudice della Corte d'appello di Reggio Calabria, Gaetano Maria Amato, è stato arrestato dalla polizia a Messina, dove è residente. La notizia è stata confermata all'Ansa da fonti giudiziarie, che però sono 'blindate' e non forniscono altri particolari come "tutela delle vittime". Il reato prevede, in caso di condanna, la reclusione fino a 12 anni.

Il dottor Amato, presta servizio presso la Corte d'Appello di Reggio Calabria, ma risiede a Messina. Si era poi spostato a Messina, prima al tribunale civile e poi a quello fallimentare. Per questi ritardi il Csm lo aveva dichiarato colpevole e sanzionato con ammonizione. Ed è così grave da aver imposto una misura cautelare. Infine, nel 2009, il trasferimento alla corte d'Appello di Reggio Calabria. Amato rischia ora la sospensione dalla funzione e dallo stipendio, con la collocazione fuori dal ruolo organico della magistratura, da parte della sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura. Nei casi di arresto, solitamente, tale misura è obbligatoria e, dopo l'istanza, il Consiglio Superiore della Magistratura agirà quindi in tempi rapidi.


Popolare

COLLEGARE