Venezia: applausi per Ammore, Astropaolo in diretta al Lido

"Ammore e malavita", il film dei fratelli Manetti in concorso alla Mostra di Venezia e dal 5 ottobre al cinema è stato infatti accolto da applausi ed entusiasmo: nemmeno gli stessi registi potevano credere ai loro occhi dinanzi ad un'accoglienza così calorosa. Il musical made in Napoli racconta la storia d'amore tra un killer senza scrupoli, Ciro (Giampaolo Morelli), e un amore adolescenziale che torna nella sua vita, Fatima (Serena Rossi) che presta la sua splendida voce interpretando anche un'inedita ma divertentissima versione partenopea di 'What a feeling'.

Si ride e ci si diverte nel nuovo film dei Manetti Bros Ammore e malavita, musical in napoletano che è ambientato nelle terre di Gomorra e, per qualche scena, anche a New York.

Poche volte, come quest'anno, a Venezia i grandi favoriti stanno deludendo le aspettative di pubblico e critica, a tutto vantaggio però di pellicole, presentate in sordina, che invece hanno stupito positivamente. Ciro è uno dei sicari di Don Vincenzo (Carlo Buccirosso) che si finge morto su consiglio della moglie Donna Maria (Claudia Gerini). Fatima (Serena Rossi) è una sognatrice, una giovane infermiera. Due mondi in apparenza distanti ma destinati a incontrarsi. Nella trama, si parla del dilemma cui si trova davanti un killer camorrista nel momento in cui viene incaricato di uccidere una donna tuttora presente nel suo cuore. A Ciro viene dato l'incarico di sbarazzarsi di quella ragazza che ha visto troppo. Tra musica e azione, amore e pallottole. Ma le cose non vanno come previsto. Nessuno può fermare l'amore.


Popolare

COLLEGARE