Toy R Us, una delle più grandi catene di negozi, dichiara bancarotta

Nel 1957 il definitivo cambio di nome. Toys R Us dichiara ora ufficialmente bancarotta, e si mette sotto la protezione del Chapter 11 della legge fallimentare statunitense.

La riorganizzazione tramite il Chapter 11 della maggiore catena di giocattoli americana è l'ultimo segnale, in ordine temporale, della crisi dell'industria delle vendite al dettaglio che risente dell'ascesa di Amazon.

L'ipotesi di una bancarotta aleggiava già da giorni e ha spinto le agenzie di rating a tagliare la loro valutazione sulla società, riflettendo le attese negative del mercato. Toys ha anche reso noto che la procedura non riguarderà le attività al di fuori di Stati Uniti e Canada. Toys'R'Us è il secondo rivenditore di giocattoli negli Stati Uniti dopo il colosso delle vendite online Amazon, secondo la società di consulenza Kloster Trading Co.

Il settore dei giocattoli paga duramente del boom del commercio elettronico. Il gruppo americano ha chiesto al tribunale l'accesso al "Chapter 11" per la bancarotta assistita, puntando a ristrutturare il suo debito e a raggiungere una struttura finanziaria sostenibile per consentire di investire in una crescita di lungo termine.


Popolare

COLLEGARE