TAV: bene Gentiloni e Macron che la considerano strategica per l'Europa

"In merito - ha aggiunto ancora il presidente francese - è essenziale che insieme all'Unhcr la questione dei campi profughi venga rispettata e che la pressione esercitata sull'Italia venga limitata come lo è stato dall'estate". Paolo Gentiloni a Lione sembra quasi più europeo di Emmanuel Macron che l'altro ieri alla Sorbona ha lanciato un appello alla rifondazione dell'Europa. Su Stx-Fincantieri è solo un primo passo di un ambizioso progetto che è provare a creare insieme un grande player mondiale dell'industria navale, civile e militare. "Il tunnel di base deve essere concluso", ha detto il presidente francese.

"Siamo entrambi impegnati affinché il troncone transfrontaliero della Torino-Lione sia portato a buon fine". "La Lione-Torino resta un collegamento chiave". "L'importanza strategica" della linea Torino-Lione viene "rafforzata". Il premier italiano ha aggiunto: "Condivido l'importanza che l'Onu torni ad essere protagonista di un lavoro diplomatico".

Cooperazione militare e scambi culturali.

. "Un gruppo di lavoro lavorerà per migliorare la competitività di questa infrastruttura a livello europeo". "Sappiamo bene che non è un'impresa facile la stabilizzazione della Libia, ma da essa dipendono gli interessi nazionali fondamentali per la Francia e l'Italia".

"Ci sarà una cooperazione militare intensa ma che sarà migliorata con l'avvio con le nostre industrie per un campione a livello mondiale navale, la cooperazione sarà rafforzata sul campo", ha poi comunicato Macron. Esito scontato di una vicenda che si è ricomposta nelle scorse settimane durante le quali si è lavorato intensamente per cercare una soluzione e sulla quale oggi i due presidenti porranno la parola fine. E "l'Europa - ha aggiunto Gentiloni - deve essere motore di investimenti, lavoro e crescita".


Popolare

COLLEGARE