Sardegna Arena, gol di Sau. La diretta di Cagliari-Crotone: 1-0

L'esultanza del Cagliari dopo il gol di Sau. "Nei primi 45 minuti non abbiamo messo in pratica le cose che abbiamo preparato e per certi versi è stato giusto finire in svantaggio", analizza così in conferenza stampa Davide Nicola la sconfitta del suo Crotone alla Sardegna Arena. La firma sulla prima vittoria nel nuovo stadio la mette il bomber Made in Tonara Marco Sau che quest'anno vuole arrivare alla doppia cifra. Dietro al "folletto" Marco Sau, piazzato come falso nueve, Rastelli dovrebbe lanciare dal primo minuto Joao Pedro e Diego Farias, incaricato di fare la spola tra i due reparti, sfruttando la sua capacità nel dribbling per scompaginare la difesa crotonese. Davanti Trotta dovrebbe affiancare Budimir.

Con una lettera aperta scritta a La Gazzetta dello Sport, inoltre, belle le parole del Presidente Giulini in merito al nuovo stadio: "La squadra non sarà costretta a giocare neanche una partita lontano da Cagliari - ha scritto con orgoglio - nessuna gara casalinga della nuova stagione ci costringerà ad emigrare in continente". Nicola ha lavorato su diverse soluzioni tattiche cercando di ovviare al problema gol, mandando in area di rigore più giocatori possibili, provando ad aumentare l'affiatamento tra i compagni, soprattutto d'attacco. Incapaci di raddoppiare e chiudere la pratica, i sardi rischiano poco e niente: Cragno, portiere dell'oggi e del domani, è spettatore o nulla più e non basta a Nicola buttare nella mischia Tumminello e Crociata. Nel finale, Barberis su punizione da 25 metri spara di poco a lato il pallone che sarebbe valso il pareggio. Mandragora, lanciato in A nel Genoa da Gasperini, è della Juve che ci tiene a tal punto da averlo fatto recuperare in casa dall'infortunio al piede dello scorso anno e da mandarlo da Vrenna e Ursino a Crotone dove i talenti diventano campioni.


Popolare

COLLEGARE