Napoli esagerato, Bologna steso per 3-0

Passa poco e il Napoli si accende. Una stagione però è passata ed ora tutto è diverso.

Prima frazione di gioco molto noiosa e povera di spettacolo, con l'undici guidato da Roberto Donadoni ermeticamente chiuso a difesa della propria metà campo, e gli azzurri a provare continuamente azioni manovrate che scarsamente sono risultate pericolose.

Bologna (4-2-3-1): Mirante; Krafth, Helander, Maietta (57′ De Maio), Masina; Pulgar, Poli; Verdi, Palacio (77′ Petkovic), Di Francesco; Destro (73′ Krejcj). Al 29' partita abbastanza equilibrata dopo gli squilli dei rossoblu. Sugli scudi Verdi, Maietta e Palacio. Poco prima del gol di Mertens calcia una punizione velleitaria 'rubandola' ad un ispirato Verdi. Costretto ad abbandonare il campo al 40 del pt per un brutto infortunio alla spalla: si teme uno stop di 45 giorni. Alterna buone cose a carenze dettate da una condizione fisica precaria. Dieci minuti dopo è il solito Dries Mertens a mettere il risultato in cassaforte, approfittando di una disattenzione di Pulgar, oggi insufficiente. Il folletto belga lo fa ammattire. Per Pulgar é stata una serata difficile, quando sei un centrocampista di contenimento, giocare contro i palleggiatore del Napoli è quasi un'impresa.

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Chiriches (43′ Albiol), Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho (32′ st Diawara), Hamsik (17′ st Zielinski); Callejon, Mertens, Insigne.

5 vittorie su 5 gare ufficiali, 8 vittorie consecutive in campionato e soli 2 gol subite nelle ultime 5 gare ufficiali. Questo l'obiettivo del Napoli di Maurizio Sarri, che ha chiuso la terza giornata di Serie A con il posticipo domenicale. Dopo un primo tempo in dormiveglia, gli azzurri si svegliano e vincono 3-0. In attacco solo certezze: giocano Callejon, Mertens e Insigne, con Milik pronto a subentrare a partita in corso.

La giocata giusta arriva però dalla coppia più collaudata al 66': Insigne guada in mezzo il taglio di Callejon e lo serve a un metro dalla porta, lo spagnolo si beve Masina è di testa insacca, 0-1.

E' la sua vittoria, l'ha costruita in settimana, quando anche durante la sua festa ha tenuto alto il livello della concentrazione e della carica con la pressione dei record da raggiungere.

CALLEJON 7: Un gol e un assist per lui stasera. Elemento imprescindibile per lo scacchiere di Sarri e per i fantallenatori.

Koulibaly 6,5 - Col suo fisico imponente sembra un muro agli occhi di Destro e Palacio.

Il tempo e il futuro sono sicuramente dalla sua parte, ma se già all'età di tredici anni un club come il Chelsea si interessa ad un calciatore è perché il talento c'è.

HAMSIK 5,5: Continua il momento di scarsa brillantezza del capitano, non funziona la velocità e la qualità della catena di sinistra nella prima ora di gioco.


Popolare

COLLEGARE