Montella: "È ancora presto per giudicare questo Milan"

Montella loda il suo attaccante a fine partita: "Ha fame e stasera ci ha fatto vedere che fa anche gol".

Dopo la pesante sconfitta contro la Lazio in campionato, il Milan si prepara alla prima gara del girone di Europa League.

Austria Vienna. "È una squadra organizzata". Servirà una bella prestazione per restituire fiducia all'ambiente e ai tifosi dopo la brutta sconfitta patita all'Olimpico contro la Lazio questa Domenica, i difensori (Bonucci in primis) sono parsi in grande difficoltà, Calabria non ha convinto come sostituto di Conti, l'attacco è risultato sterile e persino Kessié - che ha provocato il rigore su Luis Alberto poi trasformato da Immobile - ha ceduto all'affanno.

La rosa: "Nel calcio moderno, è difficile trovare una squadra che ragioni solo su 11 gicoatori". Le critiche? Esagerate ma è tutto abbastanza normale, come erano esagerati i complimenti prima.

"Sta crescendo di condizione". L'abbiamo fatto molto l'anno scorso ma anche quest'anno con Rodriguez. "Come per Kalinic e Romagnoli non devo pensare a breve termine, abbiamo altre 6 partite in venti giorni dunque non si può giocare sempre".

L'Europa League insomma non è una cartina tornasole per questo Milan. Un modulo che domani potrà essere molto più che un'opzione e chissà che non possa diventare una realtà vincente del Milan nuovamente Europeo. Abbiamo visto e capito la visione del tecnico che concede al suo numero 10 di spaziare per il campo, chiede a Suso di giocare come una seconda punta che sembra quasi un trequartista e vede in Bonaventura una mezz'ala tecnica da cui può e deve passare l'azione. Al momento, comunque, l'unica cosa certa è che comunque si giochi, con il 4-3-3 o se con il 3-5-2, Suso continua ad essere un pilastro inamovibile dei rossoneri anche per questa stagione. Quasi un centrocampista aggiunto, in grado di far partire l'azione dalle retrovie e aggirare così i problemi di gioco quando le fonti provenienti dal centrocampo vengono arginate dal pressing avversario.


Popolare

COLLEGARE