Milan, Montella: "Difesa a tre? Era già in programma..."

Ma Bonucci, dopo la disastrosa prova odierna del Milan e nel complesso alquanto negativa anche da parte sua, deve fronteggiare anche l'ironia di Twitter, che si scatena a rivoltargli contro alcuni "slogan" del pre-stagione del numero 19. L'amministratore delegato del Milan, Marco Fassone, torna così, ospite di un forum del 'Corriere dello Sport', sulla pesante sconfitta patita ieri all'Olimpico contro i biancocelesti. Devo dire che tutti noi sapevamo che, prima o poi, questa marcia si sarebbe potuta interrompere. "Ma si possono trarre degli spunti individuali e crescere come squadra e individualmente". "Ci ha sorpreso la proporzione e la dimensione con cui è maturata questa sconfitta". Un obiettivo dichiarato, da sempre. Lo abbiamo sempre detto.

"I capitomboli come quello di ieri sono importanti, anche per come è maturato, per toglierci alibi e guardarci dentro per poi ripartire giovedì con uno spirito diverso". Bene, cioè male, erchè se è vero che per certi versi le defaillance di Bonucci sono quelle meno prevedibili, è altrettanto e ancor più certo che un giocatore della sua età ormai inserito in certi automatismi stracollaudati nella Juve troverà -e in certi casi creerà alla squadra- difficoltà a inserirsi (e magari anche a impegnarsi) in una nuova compagine stile armata Brancaleone come quella di Montella. Inoltre contro una squadra tosta come la Lazio, preparata tatticamente, Montella avrebbe dovuto pensare alle contromisure per limitare il gioco avversario, invece è stata una partita a senso unico. Bonucci è il capitano, è il leader, non solo un acquisto fortemente voluto ma è un perno. Ha tutto il nostro apprezzamento. "La partita di ieri non intacca neanche dell'uno per cento la stima e la fiducia che abbiamo nei suoi confronti". Sappiamo che è difficile, andiamo per step, non esistono gironi facili. "Garantiamo il massimo impegno per una competizione che riteniamo importante".


Popolare

COLLEGARE