Italia, Buffon: "Tattica importante ma priorità all'equilibrio"

Alla vigilia della sfida più importante delle qualificazioni ai Mondiali di Russia 2018 per l'Italia, quella contro la Spagna al Bernabeu, in conferenza stampa al fianco di Ventura è intervenuto il capitano, Gianluigi Buffon: "Non ho visto tante squadre venire in Spagna e uscire vittoriose, facendo il giro di campo". C'è stato un anno di rifondazione, di grande cambiamento.

Il VAR, in effetti, sta correggendo alcuni errori, ma ne sta creando di altri, poiché episodi analoghi vengono giudicati con un metro diverso, oppure in alcuni casi l'arbitro, pur avendo visto male, rifiuta l'utilizzo del VAR confermando a priori la propria decisione. Domani capiremo se è un qualcosa che potrà portare dei risultati. Al di là del passaggio del turno, spero che sia una bella partita da giocare. Sarebbe una grande iniezione di fiducia. Cosa cambia per me se loro giocheranno con il falso nueve? Ci sarà comunque da soffrire e battagliare, e io non sono uno stratega. Chiellini? Ha sentito un piccolo fastidio, nulla di preoccupante. Buffon si aspetta una Spagna come nelle precedenti occasioni, a prescindere dalla presenza o meno di un attaccante di ruolo. Negli ultimi dieci anni non abbiamo vinto spesso, ma non abbiamo perso moltissimo. "Ho 40 anni, da 23 sono nel calcio, non mi reputo l'ultimo stupido, forse mi considerano il penultimo, però credo che il mio pensiero andrebbe ascoltato", conclude Buffon. Penso che faremo una bella partita.


Popolare

COLLEGARE