In tilt i chek-in Caos negli aeroporti

Il software è utilizzato da oltre cento compagnie aeree e quindi, facilmente immaginabile il caos che si è creato ai banchi dell'accettazione negli aeroporti colpiti dal danno: Heathrow e Gatwick, oltre che Parigi Charles de Gaulle e Washington DC.

E' caos negli aeroporti di tutto il mondo a seguito di un problema tecnico ai check-in, secondo quanto si legge su fonti di stampa.

Problemi per gli imbarchi sono stati registrati anche negli Stati Uniti, a Baltimora e Washington, a Melbourne, in Australia, e a Johannesburg, in Sudafrica. Ma sono state ore davvero difficili.

Anche la Southwest Airlines ha affermato di aver avuto problemi in diversi aeroporti statunitensi, cosi' come British Airways.

Nessun disagio negli scali romani di Fiumicino e Ciampino, il guasto dei sistemi informatici non avrebbe provocato problemi presso questi scali. Un programma informatico che gestisce i sistemi di check-in dei passeggeri è andato, infatti, in tilt attorno alle 11.30. L'azienda ha segnalato il servizio sta gradualmente riprendendo. "Sono 125 le compagnie nel mondo che si appoggiano ad Amadeus - scrive Macheras - 10 delle compagnie che fanno parte dell'alleanza Oneworld, 18 delle 28 che fanno parte della Star Alliance. Ci scusiamo per l'inconveniente" spiega la compagnia.

"Questo è un problema delle compagnie aeree, non dell'aeroporto".


Popolare

COLLEGARE