Forza Nuova, "Marcia su Roma". Raggi: "Non può e non deve ripetersi"

L'annuncio di una marcia su Roma da parte del movimento di estrema destra, Forza Nuova e fissata per il prossimo 28 ottobre non poteva che far discutere. Che sia una mera provocazione o una delle tante citazioni del ventennio fascista, la proposta della marcia su Roma non è passata inosservata, accendendo le polemiche tra le fila del Pd e non solo.

"Una manifestazione patriottica, non filo-fascista o nostalgica". "Non è contro il ministro Minniti, ma contro Soros", il finanziere Usa accusato di "organizzare l'invasione di migranti nel Sudeuropa". Il Sole 24 ORE si riserva di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l'ora e indirizzo IP del computer da cui vengono pubblicati i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti.

Intanto il questore di Roma, Guido Marino ha proibito la "passeggiata per la sicurezza" annunciata sempre da Forza Nuova per venerdì sera nelle strade del quartiere Tiburtino III, alla periferia della Capitale.

"Vogliamo sfilare nel centro di Roma - dice Fiore -". "Motivi di ordine pubblico e concomitanza di altri eventi", dice la questura. La XII disposizione finale, non transitoria, della Costituzione, vieta la riorganizzazione sotto qualsiasi forma del disciolto partito fascista: Fn è il partito fascista contemporaneo per i contenuti della piattaforma politica e per i metodi. Secondo quanto si è appreso, gli organizzatori di manifestazioni nella Capitale possono presentare il preavviso in Questura da un mese prima dell'iniziativa fino ai 3 giorni precedenti. Per il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti, la marcia su Roma fu "una tragedia", dunque rifarla rappresenterebbe "un insulto, una farsa ridicola". "Si tratta di una cosiddetta 'marcia dei patrioti´, con la quale si invitano i 'camerati´ di ogni parte d'Italia ad unirsi e marciare su Roma 'contro la legge sullo ius soli´, che rischia di trasformarsi in una giornata tragica per il nostro Paese". 45 deputati del Pd, in una interrogazione presentata alla Camera, chiedono al ministro Minniti di fermarla. A scendere in piazza è stata anche la sindaca di Roma, Virginia Raggi, che in serata è intervenuta in modo duro ed inequivocabile con un tweet: "La Marcia su Roma non può e non deve ripetersi".

Una nuova marcia su Roma il 28 ottobre, 95 anni dopo rispetto a quella delle camicie nere che portò al potere Mussolini. La legge Scelba specifica che si ha riorganizzazione del disciolto partito fascista quando una associazione, un movimento o comunque un gruppo di persone non inferiore a cinque persegue finalità antidemocratiche proprie del partito fascista.


Popolare

COLLEGARE