Europei Basket 2017, Messina: "Siamo dove volevamo essere"

In 10 minuti gli Azzurri riescono a segnare solamente 2 punti invitando i finlandesi alla rimonta. Nei quarti di finale, mercoledì alle 20:30, l'Italbasket affronterà la vincente della sfida tra Ungheria e Serbia, in programma domani alle 14:15. Gli attacchi si inceppano, ma il +20 sorride sempre agli uomini di Messina. La difesa azzurra è strepitosa e in attacco Datome è bollente ed ecco che il tabellone segna 17-7 per l'Italia poco dopo la metà quarto. Il comune denominatore è la difesa, che subisce Koponen soltanto per brevi tratti e toglie ossigeno al temutissimo Lauri Markkanen (il rookie di Chicago si ferma a 4 punti in appena 21', per un gestione incomprensibile del ct scandinavo Dettmann).

Nel lanciare la fuga azzurra, Marco Belinelli ha giocato un ruolo semplicemente fondamentale: incontenibile sino al 3° quarto, spentosi con il tempo insieme alle difficoltà azzurre.

Finora, l'Italia ha fatto vedere buone cose in difesa, dimostrando molta grinta e determinazione, ma ha deluso dal punto di vista dell'attacco: nelle prime partite è riuscita a cavarsela grazie a ottime percentuali da tre punti, che però sono scese nelle ultime partite evidenziando la mancanza di altre soluzioni offensive. Si va all'intervallo lungo sul 48-29 per l'Italbasket.

Il Secondo Tempo: In avvio di terza frazione il ragazzo di San Giovanni in Persiceto, Belinelli, si traveste da leader, guidando sul 36 -56 risponendo al carisma di Koponen che prova a scuotere i suoi con una serie di canestri consecutivi. Inoltre gli Azzurri eccedono con i falli e mandano in bonus gli avversari già a sei minuti e mezzo dalla fine.

L'Italia supera la Finlandia 70-57 alla Sinan Erdem Arena di Istanbul e si qualifica per i quarti di finale degli Europei di basket.

Dove seguire Serbia-Ungheria in tv? Servirà uno sforzo di squadra per contenerlo, un po' come fatto contro Dennis Schröder nella gara contro la Germania, ma bisognerà stare attenti a non concedere troppo spazio sul perimetro visto che i finlandesi stanno viaggiando a livelli d'attacco altissimi (85.2 punti a partita) grazie a un ottimo 38% di squadra da tre, specialmente con Petteri Koponen (43% su 4.2 tentativi a gara per 13.2 punti a partita e 7.2 assist) e Sasu Salin (37.5% su 6.4 triple a gara per 11.8 punti di media, terzo miglior realizzatore di squadra).

Gigi Datome ha chiuso con 15 punti, in doppia cifra anche Nicolò Melli e Hackett entrambi con 10 punti.


Popolare

COLLEGARE