Di Francesco: "Roma pronta, con Atletico sara' battaglia"

Voglio vedere una squadra determinata, perché sarà una battaglia di quelle vere. "Ci è capitato di perdere la prima e vincere quelle dopo la roma è una grande squadre, gioca bene e può fare molto bene in questa competizione".

Giornata di conferenza stampa in casa Atletico Madrid alla vigilia della sfida di domani contro la Roma. Sul 'cholismo', il tecnico della Roma è chiaro.

"Chi ben comincia è a metà dell'opera", monito adatto per la squadra della capitale in virtù della gara di domani. E' una squadra meno estetica e più pratica, raggiunge sempre il suo obiettivo. Abbiamo Strootman in campo, che è un leader sia in partita che in allenamento" - conclude il tecnico - "Noi abbiamo bisogno di questi giocatori, abbiamo bisogno di giocatori che si sappiano prendere le proprie responsabilità e che trascinino in maniera emotiva la squadra. Quello che riguarda il ballottaggio le valutazioni le faccio tra oggi e domani, è possibile che uno dei due giochi. "Ha avuto qualche problemino muscolare, ora sta trovando continuità".

"Un bene o un male il rinvio con la Sampdoria?" Se avessimo giocato sabato, magari facendo un risultato positivo, si sarebbe tornati a parlare della Roma. Potrebbe essere un aiuto per domani, ma non per il campionato. La Champions? Fin quando il sole brillerà in cielo l'Atletico proverà a vincerla. La sconfitta contro il Porto dello scorso anno nei preliminari è stata molto pesante. "La sfida continua perché vedo che c'è vita e energia all'Atletico Madrid".

"Abbiamo un centrocampo forte ma lo dobbiamo dimostrare in campo -aggiunge il 27enne olandese in conferenza stampa-".

Il Questore di Roma Guido Marino ha deciso che per il match dell'Olimpico, che non hanno fatto finora delineare un quadro preoccupante, verrano attuate "le consuete misure antiterrorismo", anche attraverso una stretta collaborazione con le autorità spagnole. Dovremmo essere bravi a portarli dalla nostra parte. Per me è l'avversario più difficile del girone, lavorano insieme da quattro-cinque anni con lo stesso allenatore e cambiando pochissimo a livello di organico.re molti giocatori, quasi nessuno. Mi sento bene fisicamente, ho giocato più di 50 partite la passata stagione e sto bene. "Ci siamo preparati per contrastare il potere fisico della Roma". Lui nel club ne ha così tanta che chiude pure qualsiasi discorso di mercato: "Ho rinnovato il mio contratto per cinque anni e non ho mai pensato di lasciare la Roma".


Popolare

COLLEGARE