Dalai Lama: Bianco gli dona mala di pietre dell'Etna

Domani il XIV Dalai Lama sarà al Teatro Vittorio Emanuele di Messina dove terrà due conferenze a partire delle 9.

Un incontro molto atteso e decisamente molto discusso quello con il XIV Dalai Lama, Tenzin Gyatso, tenutosi oggi a Taormina. Tre giorni in tour tra Messina, Taormina e Palermo. Dopo il pranzo ritiro spirituale fino a domani, la cena non è infatti prevista nella dieta quotidiana del Dalai Lama. Alle 10.30 sarà proiettato "Attraversando il Bardo", regia Franco Battiato, una riflessione sul senso dell'esistenza e sul tema della morte nelle diverse tradizioni spirituali d'Oriente e d'Occidente (biglietto € 5); alle 12 la replica di "Walk with me" (biglietto € 7,50) e alle 20,30 "Kundum", film del 1997 diretto da Martin Scorsese, tratto dal libro autobiografico "La libertà nell'esilio" del Dalai Lama.

"In un momento in cui non sempre è facile essere in prima linea nel dialogo tra culture e religioni - ha sottolineato Sua Santità Tenzin Gyatso - l'accoglienza di migliaia di profughi e rifugiati provenienti da nazioni martoriate da guerre e povertà, costituisce il più alto gesto di apertura nei confronti di chi è diverso da noi solo per luogo o religione ma che, per tutto il resto, è un nostro fratello". I valori universali della pace e della fratellanza dei popoli sono sempre più messi a rischio dagli attuali equilibri internazionali precari.

Nel suo intervento il Dalai Lama ha iniziato ad affrontare il tema della pace come incontro tra i popoli e come opportunità per l'evoluzione dell'umanità, prima di proseguire la sua lectio magistralis sul tema "In cammino verso la saggezza e la felicità attraverso la meditazione", un percorso nell'animo dell'essere umano per la conquista dell'equilibrio interiore, uno stato di beatitudine sempre più messo in discussione da una società votata al consumismo e alla materialità spicciola. Dalla Sicilia il premio Nobel si sposterà verso la Toscana. Un pensiero complesso che ha concentrato l'attenzione di tutti i presenti che, nella parte finale dell'incontro, si sono confrontati con il Dalai Lama ponendo una serie di domande sugli aspetti più profondi del buddismo e dell'essenza dell'essere umano. Il racconto prosegue con l'errore di un giornalista che nel pezzo scrisse: "il sindaco di Messina invita il Dalai Lama nella sua città". Non sarà presente invece il commissario Filippo Romano.

Domenica, al Teatro Vittorio Emanuele di Messina, dalle 9 sino alle 11.30, dopo i saluti e gli interventi istituzionali, seguirà il conferimento del Premio "Costruttori di pace, giustizia e nonviolenza - Città di Messina"; infine, le due lezioni tenute dal Dalai Lama, la prima su "Etica compassionevole e interdipendenza", la seconda relativa a "L'attività educativa e l'addestramento della mente; la via più efficace per lo sviluppo delle coscienze".


Popolare

COLLEGARE