COREA DEL NORD. Per gli USA le parole non servono più

Si tratta del terremoto artificiale più potente di sempre. Messaggio chiaro a Cina e Russia, maggiori partner economici della Corea del Nord.

La necessità della Corea del Norddi dotarsi di un arsenale nucleare si basa sugli eventi successivi a tali discori: l'impiccagione del dittatore iracheno Saddam Husseinnel dicembre del 2006, e la barbara uccisione del dittatore libico Mu'ammar Gheddafi nell'ottobre del 2011. "Invitiamo la Corea del Nord a fermare il suo programma nucleare e a porre fine ai test missilistici, perché rappresentano violazione di una serie di risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite", ha detto Stoltenberg domenica in onda sulla BBC. Queste sono, secondo Orsini, le mire che sottendono alle attuali prese di posizione dell'America che dovrebbe rinunciare ai suoi progetti espansionistici.

Il rappresentante dell'alleanza ha aggiunto che i testi della Corea del Nord "sono una minaccia alla pace mondiale e alla stabilità". Kcna poi ribadisce le minacce: "Risponderemo alle sanzioni e alle pressioni efferate degli Stati Uniti con una nostra controffensiva mirata e gli Stati Uniti saranno ritenuti totalmente responsabili di tutte le conseguenze catastrofiche che ne seguiranno (...) Gli Stati Uniti non dovrebbero dimenticare nemmeno che la Rpdc è una vera e propria potenza nucleare in possesso di Icbm e delle bombe A e H".

La bomba H ha provocato un sisma con una magnitudo di 6.3 con epicentro a circa 24 km a est-nordest di Sungjibaegam, dove si trova il sito di test nucleari nordcoreano di Punggye-ri.

La Corea del Nord, con le sue strade ordinate e pulite, non è l'Africa nera e inesplorata e neanche l'India esotica e misteriosa, eppure nel grigiore urbano di Pyongyang, come in nessun altro luogo del mondo, si ha la sensazione di essere degli intrusi, talvolta graditi, all'interno di una realtà separata, in un universo orwelliano, che difficilmente può essere penetrato, interpretato o anche solo capito dal visitatore occasionale.


Popolare

COLLEGARE