Corea del Nord: la posizione dell'Europa

Dura condanna da Roma: "L'Italia condanna nei termini più categorici il lancio - effettuato stanotte dalla Repubblica Democratica Popolare di Corea - di un missile balistico che ha sorvolato il territorio del Giappone ed esprime la propria solidarietà al Governo e al popolo giapponese", ha detto il Ministro degli Esteri Angelino Alfano, secondo cui "la nuova sfida di Pyongyang al regime di non proliferazione rappresenta una seria minaccia alla stabilità regionale, alla pace e alla sicurezza internazionale, nonché l'ennesima chiara violazione di molteplici risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite". Gli Stati Uniti stanno anche cercando di organizzazione una riunione del Consiglio di Sicurezza sulla Corea del Nord a margine dell'Assemblea Generale, la prossima settimana. "Tutte le opzioni sono sul tavolo" per la Corea del Nord, aggiunge Sarah Huckabee Sanders, la portavoce della Casa Bianca, nel corso dell'incontro quotidiano con la stampa, al quale McMaster ha partecipato.

Per le 21 ora italiana (le 15 ora locale a New York) è stata convocata una riunione d'emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite, su richiesta di Stato Uniti e Giappone secondo quanto riferiscono fonti diplomatiche. Mosca ha condannato l'ultima mossa di Pyongyang e Pechino ha manifestato ferma opposizione, ma anche una sorta di impotenza spiegando di "non avere la chiave per una soluzione finale" sul nucleare nordcoreano, pur opponendo a ogni azioni che violi gli obblighi del Consiglio di Sicurezza. "Tali azioni - hanno detto - non sono solo una minaccia per la regione ma per tutti gli stati membri". "Cina e Russia devono esprimere la loro intolleranza per questi sconsiderati lanci missilistici intraprendendo da sé azioni dirette", ha dichiarato il segretario di Stato americano, Rex Tillerson. L'escalation della crisi con la Corea del Nord sarà in cima all'agenda della 72esima Unga.


Popolare

COLLEGARE