Bomba nella metro di Londra, 20 feriti

La stazione di Parsons Green è ora chiusa e il servizio di metropolitana è sospeso tra le stazioni di Earls Court e Wimbledon. Secondo un altro, molti passeggeri si sarebbero feriti, calpestandosi, mentre tentavano la fuga correndo per le scale della metro. I testimoni hanno raccontato di aver visto "una palla di fuoco" sul treno, condividendo video e foto su Twitter. L'ordigno era occultato all'interno di un secchio a sua volta inserito in una busta per surgelati di una nota catena di supermercati. Poi la conferma da parte del sindaco di Londra, Sadiq Khan, che ha parlato di una "caccia all'uomo" in atto.

Sul posto anche lo speciale corpo antiterrorismo istituito pochi mesi fa e composto da 600 uomini. Altri testimoni raccontano di persone con bruciature sul viso ed escoriazioni. Un ordigno rudimentale è esploso su un convoglio della metropolitana nella stazione di Parsons Green causando 22 feriti, tra cui anche bambini, per fortuna nessuno grave, al momento non si registrano vittime ma solo persone leggermente ferite, la bomba è un ordigno artigianale che ha prodotto danni limitati sulla carrozza colpita.

L'invito è quello di evitare il panico: "E' importante non fare speculazioni" ha detto il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson, che ha invitato la popolazione a proseguire la propria vita come sempre.

Gli artificieri della polizia londinese stanno disattivando un secondo ordigno esplosivo trovato nella metropolitana di Parson Green: lo scrive il Daily Mail. Secondo la polizia inglese è un episodio legato al terrorismo, come ha fatto sapere tramite Twitter.

La premier britannica Theresa May ha subito espresso vicinanza per i feriti e ha lodato la bravura e la velocità di reazione delle forze di sicurezza e ha convocato immediatamente una riunione d'emergenza del Cobra, il comitato di crisi del governo britannico.

Le informazioni sono ancora incomplete.

Un'esplosione si è verificata stamane, 15 settembre, a bordo di un treno della metropolitana di Londra.


Popolare

COLLEGARE