Bologna, Donadoni avvisa il Napoli: "Vogliamo riscattare il 7-1"

Un avversario del genere ci offre ancora più motivazioni, anche se queste non dovrebbero mai cambiare di partita in partita.

Per Bologna Napoli, terza giornata della Serie A 2017-2018, le quote emesse dall'agenzia di scommesse Snai ci danno le seguenti informazioni: la vittoria del Bologna (segno 1) vale 10,00; il pareggio (segno X) ha una quota di 5,25 mentre la vittoria del Napoli (segno 2) v vi permetterà di guadagnare 1,30 volte la somma messa sul piatto. Dovremo incentivare impegno, attenzione e determinazione da mettere in campo. Siamo partiti con un'idea e adesso ne stiamo sviluppando un'altra: questo dimostra che la squadra ha delle buone capacità di adattamento. Noi dobbiamo guardare all'attualità: abbiamo cominciato il campionato da due settimane e le cose sono andate discretamente ma dobbiamo ragionare sempre in prospettiva.

L'ultima sfida con il Benevento aveva restituito un Bologna con qualche piccolo acciacco uno su tutti Domenico Maietta pilastro d'esperienza della retroguardia rossoblù "E' partito dovendo recuperare un fastidio, ora è rientrato in gruppo".

Per quanto riguarda la formazione da opporre agli uomini di Maurizio Sarri, Roberto Donadoni dice che "Maietta è in crescita, oggi e domattina lo valuterò". Dopo le vittorie contro Verona ed Atalanta, la bestia nera dei partenopei, la squadra di Sarri vuole continuare il suo trend positivo e puntare in alto, anche per cancellare sia le accuse rivolte ad Insigne dopo le partite della nazionale e il batti e ribatti fra Mino Raiola, De Laurentiis e l'agente dell'agente dello stesso Insigne.

"Dal punto di vista fisico non abbiamo grossi problemi", continua Donadoni.

Vediamo infine quale potrebbe essere la formazione ufficiale del Bologna durante l'incontro tanto atteso: Donadoni probabilmente schiererà un 4-3-3, anche se ha dichiarato di non avere un modello fisso e di voler valutare come si evolverà la situazione in campo: "Si tratta di vedere le cose come si evolvono. Noi ci dobbiamo misurare intanto con noi stessi, solo così si può migliorare". Questo è quello che mi aspetto da tutti quanti gli altri. Non ha niente da invidiare ai vari Conti e Spinazzola, ma lo deve dimostrare. Sicuramente sarà un'impresa difficile anzi molto di più se possibile, ma i ragazzi di Donadoni non possono tirarsi indietro almeno dal provare a riscattarsi da quella che chiamare figuraccia sarebbe un eufemismo.


Popolare

COLLEGARE