Amatrice: dove sono i soldi degli sms

Si tratta per lo più di romani che, nei luoghi del terremoto, possiedono una seconda o terza casa.

Solo dall'Unione europea, ad esempio, sono stati approvati fondi per 1,2 miliardi di euro. Poi, per il solito gioco perverso del giornalismo e un po' per il giochetto del telefono senza fili, la notizia è stata storpiata in "spariti i soldi degli sms per i terremotati". Una dichiarazione che ha riacceso alcune vecchie polemiche sulla gestione dei fondi per la ricostruzione. "Amatrice ed Accumoli in particolare hanno già visto dedicate il 100% delle risorse per edilizia scolastica".

La ripartizione dei fondi è stata fatta in base alla percentuale dei danni registrati nelle regioni colpite.

LAZIO Ricostruzione di 3 scuole a Poggio Bustone (Scuola Primaria e Secondaria di I grado), Collevecchio (Secondaria di I Grado) e Rivodutri (Scuola Infanzia). Quest'ultima scuola è fuori dal "cratere" pur avendo subito danni durante le scosse di agosto e di gennaio.

Chi ha deciso come utilizzare i soldi degli SMS solidali?

"Oggi più di prima sono orgoglioso di essere italiano, perché l'Italia ci è sempre stata vicina in maniera straordinaria". Del Comitato fanno parte anche i comuni Amatrice e Accumoli. La notizia dell'utilizzo dei fondi è stata data pubblicamente il 17 luglio senza che Pirozzi la contestasse o criticasse. "Io credo che dopo averli usati così bisogna chiedere scusa agli italiani". "Tutti i contributi degli SMS solidali del numero della Protezione Civile sono destinati ad opere danneggiate dal sisma e a beneficio delle comunità locali. Le donazioni raccolte grazie alla generosità degli italiani, secondo quanto disposto dal decreto legge 189 convertito dalla legge 229 del 2016, sono confluite nella contabilità speciale del Commissario straordinario alla ricostruzione dopo l'approvazione dei progetti proposti dalle Regioni d'intesa con i territori colpiti" spiega ancora il Dipartimento. "A questo vanno aggiunti i milioni stanziati per il nuovo ospedale e gli impegni assunti con Regione e Miur per collocare ad Amatrice funzioni di valore dello Stato".

"Stiamo valutando cosa fare, abbiamo sentito cosa ha dichiarato il sindaco di Amatrice". Insomma Amatrice i soldi li ha e li avrà, dov'è il problema se si mettono in sicurezza anche altre scuole? Si è tradita la volontà degli italiani e questo è grave.


Popolare

COLLEGARE