Tenno: litigavano da giorni prima dell'omicidio-suicidio, avevano 24 e 22 anni

A trovare i due giovani, nella casa di proprietà di lui, sono stati i carabinieri, allertati dai vicini che hanno sentito i colpi di arma da fuoco poco dopo 14 di oggi. Entrambi cittadini del posto. I corpi della giovane coppia sono stati trovati l'uno accanto all'altro nel bagno della casa del ragazzo. Stando a quanto riportato da SkyTg24, l'ipotesi più accreditata al momento per gli investigatori è quella di omicidio-suicidio. Mattia Stanga, figlio di un imprenditore edile del paese, era vigile del fuoco volontario nel Corpo di Tenno e nipote dell'assessore all'agricoltura, alle foreste e alla caccia, mentre Alba Chiara Baroni lavorava come barista in un albergo di Riva del Garda. A quel punto, il giovane ha sparato su di lei e poi si è tolto la vita. "La dinamica appare chiara". Un ragazzo e una ragazza sono stati trovati morti in casa. Mattia, in preda alla rabbia, avrebbe estratto la sua pistola, legalmente detenuta e utilizzata per uso civile, puntandola contro Alba Chiara. Secondo la ricostruzione dei Carabinieri l'uomo avrebbe sparato alla fidanzata e poi a se stesso. Tutti parlano di una bella coppia, due persone buone, belle, e soprattutto giovani. Un segno di un proiettile, uscito probabilmente dalla finestra del bagno, è visibile su un muro all'esterno dell'abitazione. I due, fidanzati da sei anni, avrebbero dovuto andare a convivere nel mese di settembre.

I due ragazzi erano conosciuti in zona. I due avevano rispettivamente 24 e 22 anni.

Dall'analisi del telefono, sembra che lei sia corsa da lui perché Mattia aveva minacciato di uccidersi. Lunedì 31 luglio lo shock: Mattia Stranga, 24 anni, e Alba Chiara Baroni, 22, sono morti ammazzati. A dare un supporto logistico alle forze dell'ordine c'erano anche i vigili del fuoco di Tenno: Mattia era un loro amico e compagno di tanti interventi, sempre pronto a dare una mano. Gli stessi che ieri, chiamati dai carabinieri, hanno sfondato la porta per entrare, quando ormai era troppo tardi.


Popolare

COLLEGARE