Spinazzola non parte per Valencia: l'addio all'Atalanta è sempre più vicino

Difficile delineare ad oggi il futuro di Leonardo Spinazzola.

L'obiettivo primordiale della dirigenza bianconera si sa, è da tempo quello di trovare quel profilo giusto in mezzo al campo in grado di completare la rosa di Massimiliano Allegri e permettere finalmente il salto di qualità in una zona di campo in cui la Juventus ha sofferto parecchio in ambito europeo la supremazia delle altre squadre. "Sì, ha preso bravi calciatori, ma non fenomeni". L'attenuante c'è: il lavoro fisico, per loro che dovranno fare da stantuffi per tutto un anno, è stato particolarmente tosto, dunque lo smalto migliore verrà fuori proprio dalle prossime gare. Per il resto, grosse novità non dovrebbero esserci: Palomino sarà ancora al centro della difesa, valido sostituto di un Caldara ancora non al meglio, tanto che non partirà per la Spagna.

Non presente contro il Valencia. Mancano posizioni ufficiali per dare un motivo a questa decisione improvvisa, ma è verosimile che sull'assenza del giocatore abbiano pesato i rumors di calciomercato che lo danno vicino al rientro anticipato alla Juventus nonostante il prestito biennale. Tante piccole grandi mosse collaterali per arrivare ad un giocatore che in casa Juve si spera di poter trasformare nel nuovo Zambrotta: sia che gli lasci il posto Asamoah, sia che tocchi a lui raccogliere l'eredità di Lichtsteiner.

Alla Signora non si può dire no. Nemmeno per una Dea. "La Roma non so come andrà con il cambio allenatore, sono sicuro invece che il Napoli farà bene". Gasperini però fa muro e ha già chiesto alla società di tenerlo a tutti i costi.


Popolare

COLLEGARE