Somministra morfina a neonato: arrestata infermiera a Verona

Per questo motivo un'infermiera 43enne in servizio alla Asl è stata arrestata dalla Polizia di Verona con l'accusa di lesioni aggravate e cessione di sostanze stupefacenti, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip Livia Magri su richiesta del pm Elvira Vitulli. Immediatamente dopo il neonato riprese a respirare autonomamente. Secondo quanto rivelato, già in precedenza mentre teneva in braccio il piccolo davanti alle colleghe l'avrebbe definito 'rognoso'.

Come ha spiegato la polizia in una conferenza stampa, il neonato, che stava bene e sarebbe stato dimesso il giorno successivo senza 'l'incidente', è stato in seguito ricoverato in terapia intensiva neonatale dell'ospedale civile di Verona: era stata la stessa infermiera, in seguito ad una overdose e successiva crisi respiratoria, a prestargli i primi soccorsi: gli aveva somministrato un farmaco antagonista della morfina.

"Inoltre - racconta ancora l'Ansa -, una collega ha raccontato che l'infermiera le aveva confidato di fare abituale utilizzo di morfina e benzodiazepina, pur in assenza di prescrizione, somministrandola ai neonati per via orale o nasale per farli stare tranquilli, senza rendersi conto dei pericoli". Da ulteriori accertamenti è emerso che il bambino aveva subito l'arresto respiratorio a causa della morfina.

Il piccolo paziente veniva accudito dall'infermiera arrestata oggi e da una collega.

Proprio la serie degli eventi ha allertato i medici che hanno a loro volta allertato la Squadra Mobile. Dopo gli esami dei medici è stato scoperto che la stessa crisi respiratoria era stata dovuta proprio all'assunzione di morfina, avvenuta poche ore prima.

Quando l'equipe medica, considerata di "elevatissimo livello professionale" ha notato l'aggravamento ed era in difficoltà a comprenderne le ragioni, in una fase comprensibilmente molto concitata, è improvvisamente apparsa sulla scena l'infermiera: la donna ha chiesto che venisse somministrato al piccolo un farmaco antagonista agli oppiacei.


Popolare

COLLEGARE