Sierra Leone, smottamenti e frane sulle case: si temono centinaia di morti

Fiumi di fango e alluvioni violentissime hanno investito Freetown, la capitale della Sierra Leone, in Africa occidentale. Il bilancio delle vittime della frana in Sierra Leone è provvisorio e purtroppo è destinato a salire. Fra le centinaia di corpi senza vita trasportati all'obitorio dell'ospedale Connaught come conseguenza dell'alluvione si contano almeno 60 bambini. A dare l'annuncio anche la Reuters, con il vice presidente della Sierra Leone, Victor Foh, che dichiara che nella zona erano stati costruiti diversi edifici illegali.

Intanto, la Bbc ha riferito che la frana ha sommerso le decine di case che sorgevano ai piedi del monte Sugar Loaf e che una folla composta da centinaia di persone è sopraggiunta nell'area della frana alla ricerca dei propri parenti e amici.

I servizi di emergenza sono al lavoro per soccorrere chi è rimasto intrappolato in casa.

Secondo le prime informazioni, dopo le abbondanti piogge che si sono abbattute sulla capitale, è crollata una collina che ha travolto abitazioni, automobili e persone. Nel 2015 un'altra serie di inondazioni provocò 10 morti costringendo migliaia di persone ad abbandonare le proprie abitazioni.


Popolare

COLLEGARE