Sicurezza su smartphone e pc. Nel mirino degli hacker "Messenger" e "Whatsapp"

A lanciare l'allarme sono lo Sportello dei Diritti e la Polizia di Stato.

Chi dovesse cliccare sul link, verrebbe reindirizzato a diversi siti web, in genere un Google Doc in cui verrà mostrata una foto offuscata della persona che vi ha inviato il messaggio su #Messenger, modificata in modo da fingere che sia un video su cui cliccare. Essendo un'applicazione di proprietà di Facebook, i dati e i file trasferiti risiedono sui suoi server, che sono stati utilizzati per i primi test: MMS ha dato ottimi risultati nell'invio e nel download simultaneo di documenti, immagini GIF e video, senza dover necessariamente aspettare il completamento di ognuno come invece avveniva fino a poco fa. "Le persone che si trovano dietro questo malware stanno probabilmente facendo un sacco di soldi grazie alla pubblicità", ha spiegato il ricercatore di Kaspersky David Jacoby. "Ora puoi chattare con i tuoi amici su WhatsApp con i testi colorati, io ho già attivato", seguito da un link che se cliccato attiva costosi abbonamenti sullo smartphone della vittima ed alimenta la pericolosa catena di Sant'Antonio che in pochi giorni ha colpito centinaia di utenti in tutta Italia.

Non si tratta di nulla di particolarmente dannoso, bensì del classico virus che inonda il vostro browser di pubblicità sgradite, che potrebbero però contenere a loro volta altri virus. "Lo stesso il più delle volte è all'oscuro di essere infettato e mezzo di propagazione del virus".

I link "trappola" inviati nei messaggi molto spesso si rivelano essere vere e proprie truffe che sfruttano i social per mietere il maggior numero possibile di incaute vittime.

Di recente, si sta diffondendo in modo virale un virus su Facebook Messenger, trasmesso sotto forma di messaggio privato proveniente da uno dei vostri contatti. "Ricordiamo che tutte le nuove funzionalità di Whatsapp sono presenti esclusivamente negli aggiornamenti che periodicamente vengono licenziati dai gestori della piattaforma".


Popolare

COLLEGARE