Rissa nel centro di Gallipoli, fanno esplodere petardi gridando "attentato"

In un momento di tensione internazionale come quello che stiamo vivendo per colpa degli attentati terroristici dell'ISIS, scherzare su questo tema se da un lato può far bene, dall'altro va comunque fatto con criterio e intelligenza. Di conseguenza, alle prime notizie uscite, che hanno parlato di giovani napoletani, colpevoli di aver scatenato una rissa, fatto esplodere un petardo e mandato nel panico il centro di Gallipoli (senza neanche aver pagato il conto del ristorante dove avrebbero cenato), ha scatenato l'odio del web.

Caos in un ristorante a Gallipoli. Avrebbero anche urlato frasi come "Attentato!", per poi fuggire senza lasciare i soldi dovuti. I responsabili del gesto, probabilmente sgomenti a loro volta dalla reazione dello scherzo, sono stati immediatamente identificati e tratti in salvo dalla Polizia che li ha arrestati, ma allo stesso tempo li ha salvati dal linciaggio della folla inferocita. A quanto pare il dipendente temeva che lo scherzo, di per sé non molto indicato visto il periodo ad alta tensione, fosse un diversivo per non pagare il conto e ne è nata prima una lite poi una rissa, finita con pugni e spintoni che in breve hanno coinvolto i passanti. I tre sono stati bloccati e denunciati per #Procurato allarme. Per fortuna sono poi intervenuti carabinieri e ambulanze, che hanno trovato però molta difficoltà ad entrare nel centro storico a causa della folla che si era ammassata per il panico generatosi. Ora i carabinieri stanno cercando di capire cosa esattamente sia accaduto e hanno già convocato in caserma i coinvolti nella vicenda.


Popolare

COLLEGARE