Prima Industrie, utile primo semestre sale a 7,5 milioni

"Escludendo l'effetto delle disomogeneità, in particolare la citata cessazione di alcuni contratti con editori terzi e la presenza nel 2016 di eventi sportivi di rilievo, compensati dall'anticipazione al primo semestre dell'Abu Dhabi Tour, la flessione", spiega il gruppo, "si abbassa a 6,1 milioni, principalmente grazie alla crescita dei ricavi pubblicitari di RCS Sport". Guardando al futuro, Gruppo Italiaonline prevede di chiudere l'ano con un Ebitda margin in crescita rispetto al risultato del 2016; i ricavi sono previsti ancora in contrazione a causa soprattutto della fisiologica flessione di alcuni business tradizionali, pur a fronte di un progressivo miglioramento dell'andamento delle attività digitali. Inoltre, nello stesso periodo, la raccolta pubblicitaria della concessionaria IOL Advertising è cresciuta a doppia cifra su base annua rispetto ad una flessione pari circa al 1% del mercato di riferimento. Sono state realizzate efficienze per 32 milioni. L'indice di solidità patrimoniale Solvency II registra un miglioramento di 4 punti percentuali rispetto alla fine del 2016 e risulta del 201%. Il free cash flow unlevered generato nel corso del primo semestre 2017 è positivo per 36,9 milioni, in crescita del 5,2% rispetto al dato pro-forma del primo semestre 2016 (35,1 milioni). Le disponibilità liquide al 30 giugno 2017 sono pari a 67,9 milioni.

Tutte le divisioni hanno registrato una performance operativa positiva, con i maggiori contributi alla generazione degli utili derivanti da Cee, Cib e Commercial Banking Italy (con un utile netto rispettivamente di 495 mln, €98 mln e 328 mln di euro nel secondo trimestre), seguiti da Commercial Banking Germany, il cui utile comprendeva 170 mln di componenti non ricorrenti.

Il titolo ha accelerato dopo la nota sui conti e intorno alle 13,10 sale del 2,8%.


Popolare

COLLEGARE